Quali sono le motivazioni di viaggio dei tuoi ospiti?

Se sai quali sono le motivazioni di viaggio degli ospiti, ha più chance di farli felici durante il loro soggiorno nella tua struttura ricettiva, sia essa un bed & breakfast, una casa vacanze o un piccolo hotel.

Booking.com, bersaglio spesso di critiche da parte di chi come te lavora nel settore hospitality per via delle sue commissioni troppo alte, questa volta ti viene in aiuto con un’interessante ricerca che individua i motivi per cui si viaggia e i fattori che influenzano la scelta della destinazione, mettendoli in relazione con la nazionalità.

Prenditi 5 minuti di pausa e un buon caffè, per leggere l’articolo. Oltre ai risultati dello studio, troverai i nostri suggerimenti su come usare questi preziosi dati per migliorare la guest experience dei tuoi ospiti e accumulare recensioni positive.

Motivazioni di viaggio, destinazione e nazionalità

Più esattamente, Booking.com ha commissionato uno studio per scoprire il collegamento tra la nazionalità e lo stile dei viaggi di piacere.

Alla ricerca hanno risposto ben 53.492 persone. Un campione decisamente ampio, soprattutto se confrontato con il numero annuo di clienti di una piccola struttura ricettiva ed extralberghiera.

Gli intervistati appartengono a 31 mercati turistici differenti. Oltre a quelli europei, compresa l’Italia, ci sono quelli del Sud America, ma anche dell’Estremo Oriente come Giappone, Cina e India. Senza tralasciare i grossi bacini di potenziali clienti russi e americani.

Si tratta di adulti maggiorenni che avevano viaggiato almeno una volta nei 12 mesi precedenti l’intervista, che è stata condotta il 16 ottobre e il 12 novembre 2018. Inoltre i ricercatori hanno scelto persone che avevano organizzato la loro vacanza o almeno preso parte alla sua pianificazione. Questo rende i risultati ancora più attendibili e utili.

Infine, gli esperti di statistica di Booking.com hanno selezionato i 50 paesi più prenotati per nazionalità. Per poi ordinare le destinazioni in base alle prenotazioni globali messe a confronto con l’andamento mondiale dei viaggi.

Le 5 motivazioni di viaggio

Dallo studio di Booking.com sono emerse le 5 principali motivazioni di viaggio.

Analizziamole per capire come sfruttarle per soddisfare i tuoi ospiti. I 5 motivi sono ordinati in modo decrescente. Le motivazioni di viaggio degli italiani ricalcano abbastanza il trend globale. Anche se, per noi italiani “vedere più cose possibili” precede “vivere emozioni forti”. Così come non conta tanto “sentirsi liberi”, piuttosto è importante ottenere un cambiamento di lavoro.

Edgar Smart Concierge
Le 5 motivazioni di viaggio

1. Prendersi un attimo di pausa

Questa è la motivazione più diffusa. Quasi l’85% degli intervistati ha dichiarato che “ritagliarsi dei momenti di relax” è la prima ragione per prenotare una vacanza.

Il tuo piccolo hotel ha una spa, sala wellness o una piscina? Assicurati di promuovere al meglio queste caratteristiche attraverso il sito, i canali social, le OTA su cui vendi le tue stanze.

Oppure offri servizi interni utili a chi desidera solo un po’ di riposo? Sfruttali per fare up-selling e aumentare i guadagni. Per incrementare le vendite di servizi interni, è fondamentale che il cliente abbia sempre ben visibile la lista dei servizi offerti. Per farlo usa un digital concierge per smartphone come Edgar. Edgar è l’app 100% personalizzabile per strutture ricettive su cui i clienti trovano tutte le info sulla tua attività e comprano anche i servizi. Con Edgar i tuoi servizi interni saranno sempre in vetrina, ben in evidenza e acquistabili prima e durante il soggiorno.

2. Dedicare tempo a rilassarsi a livello mentale

Giapponesi, tedeschi e i turisti in arrivo da Hong Kong vedono nel viaggio un’occasione per sottrarsi alle incombenze quotidiane.

Per questo è fondamentale aiutare gli ospiti a organizzare al meglio il loro soggiorno, eliminando problemi e pensieri. Qua entrano in gioco i servizi esterni, utili anche per aumentare i profitti.

Ad esempio, per evitare che i tuoi clienti si stressino a capire come raggiungere la struttura, segnalagli la navetta dall’aeroporto oppure un servizio di noleggio auto. Tramite l’app di Edgar, il cliente con pochi click prenota il servizio di car rental facendoti guadagnare una commissione per ogni acquisto in app.

3. Fare esperienze che non potrebbero essere fatte a casa

In particolare, i cinesi e i taiwanesi preferiscono le esperienze di vita semplice. Mentre i russi ricercano emozioni e divertimento.

Le esperienze di viaggio sono da mesi uno dei trend più profittevoli del settore turistico. Però è necessario suggerire agli ospiti tour e attività in linea con i loro desideri. Per avere esperienze da offrire e guadagnare dalla loro vendita, anche in questo caso puoi sfruttare Edgar Smart Concierge, che integra un marketplace interno di esperienze su cui mettere in vendita anche le tue, senza costi aggiuntivi.

Impara a vendere tour e attività al meglio. Leggi anche: Le 3 strategie più efficaci per vendere esperienze di viaggio.

4. Vedere più cose possibili

Per indonesiani, indiani e filippini è importante visitare posti sconosciuti ai loro amici, in modo da trasformare il viaggio in uno status symbol. A differenza degli argentini, che amano riscoprire posti già visti in passato, mossi da un pizzico di nostalgia.

Stai già pensando che devi ritargliarti il tempo per aggiornare le mappe cartacee da regalare ai clienti? Piuttosto, ti suggeriamo di risparmiare tempo di lavoro e soldi per la stampa, mettendo a disposizione dei clienti una mappa digitale con tutte le attrazioni presenti in zona. Per farlo in 5 minuti, basta usare Edgar Smart Concierge. Infatti Edgar integra una mappa mobile su cui sono presenti di default centinaia di punti di interesse geolocalizzati a cui aggiungere i tuoi, personalizzando la mappa.

5. Essere liberi di fare quello che si vuole

Questa è la motivazione di viaggio più gettonata tra danesi e francesi.

Non vincolare i clienti con rigidi orari di check-in e check-out. Dai la possibilità agli ospiti di fare il check-in da casa. Con Edgar Smart Concierge puoi automatizzare il check-in in modo che il cliente completi la registrazione prima ancora dell’arrivo, caricando anche il documento d’identità. Inoltre in questo modo, tu farai meno fatica perché dovrai solo scaricare il file da inviare al portale alloggiati.

 

PROVA EDGAR GRATIS

Quali fattori incidono sulla destinazione?

Dalla ricerca di Booking.com emergono anche i 5 fattori che influenzano la scelta della destinazione turistica. La maggior parte dei viaggiatori di tutto il mondo indica al primo posto “la sicurezza personale”. Per gli italiani invece, il criterio di scelta più rilevante è la presenza a destinazione di “bellezze naturali di rilievo”.

Oltre a questi 5 fattori, dallo studio ne emerge un sesto: “la vicinanza della meta di viaggio”. Criterio che spiega perché le 3 destinazioni preferite dagli italiani nel 2018 siano state l’Italia stessa, l’Albania e la Slovenia.

Tante altre volte, abbiamo spiegato sul nostro blog quanto sia strategico creare un collegamento tra la destinazione turistica e la tua struttura ricettiva. In modo che questa sia subito visibile al turista in cerca d’ispirazione sulla sua prossima vacanza su Google e i social.

Leggi questi 2 articoli per capire come creare una relazione forte tra il territorio e un b&b, un piccolo hotel, le tue case vacanza:

Come promuovere il tuo b&b con il content marketing turistico

Destination marketing: 5 modi per attrarre più ospiti

Nel dettaglio, i 5 fattori principali a livello globale sono:

  1. la sicurezza personale
  2. la pulizia
  3. le bellezze naturali di rilievo
  4. la cucina locale
  5. l’affidabilità del clima

La classifica degli italiani cambia rispetto a quella mondiale:

  1. le bellezze naturali di rilievo
  2. la pulizia
  3. i monumenti storici iconici
  4. le aree e quartieri storici
  5. la sicurezza personale

 

Questa volta, Booking.com si è rivelata generosa e ha condiviso con tutti noi questi interessanti risultati! Non sprecarli. Sfruttali per migliorare la guest experience dei tuoi ospiti e di conseguenza aumentare prenotazioni, guadagni e recensioni positive. Per farlo, prova gratis e senza vincoli la demo di Edgar per 30 giorni.

 

PROVA EDGAR GRATIS

Edgar Smart Concierge

Edgar Smart Concierge è una piattaforma per la gestione degli ospiti che permette a qualsiasi Host di personalizzare la propria App Concierge per soddisfare le esigenze degli ospiti aumentando i guadagni.

Articoli Recenti

Con la tua App Concierge...

risparmi tempo, aumenti i guadagni e soddisfi i tuoi ospiti! Crea ora la tua App in pochi minuti!