B&B e piccoli hotel: 6 consigli per una perfetta scheda Google My Business

Questo articolo è l’ideale per te se gestisci un b&b o un piccolo hotel e non hai una scheda Google My Business. Oppure, hai verificato la scheda Google My Business ma poi l’hai abbandonata. E oggi ti ritrovi con informazioni incomplete, del tutto errate e pessime immagini.

In entrambi i casi devi porre rimedio a questa situazione, subito, e approfittare dei vantaggi della Scheda Google My Business per piccoli hotel, bed & breakfast e proprietà extralberghiere.

La scheda Google My Business è quel box con le informazioni sulla tua attività ricettiva che compare a destra sullo schermo quando fai una ricerca da desktop. Mentre da mobile si trova dopo gli annunci a pagamento, ma prima di quelli organici. Invece su Google Maps, la scheda compare a sinistra da desktop e in basso da smartphone.

Ci sono almeno 3 ottimi motivi per usare la scheda Google My Business:

  1. è un’opportunità lato SEO (leggi qua se ancora non sai cos’è la SEO)
  2. aiuta ad aumentare la visibilità della tua attività ricettiva
  3. è uno strumento gratuito

Eccoti allora 6 modi per sfruttare e ottimizzare la scheda Google My Business.

1. Crea un account Google My Business

Come prima cosa, devi avere un account Google.

Subito dopo vai sulla pagina Google My Business per creare un account Google My Business.

Cerca il tuo albergo o b&b. Se già presente su Google Maps, selezionalo dal menù a discesa. Altrimenti inserisci l’indirizzo per procedere con la geolocalizzazione. A seguire scegli la categoria e completa le informazioni richieste con il numero di telefono e il sito web.

Ora puoi selezionare un’opzione per verificare la scheda. La verifica è fondamentale, perché senza non potrai gestire le informazioni.

Talvolta può capitare che qualcun altro abbia la proprietà della scheda. In questi casi puoi rivendicare la proprietà, per poi verificarla.

2. Aggiorna le informazioni

Le informazioni della scheda Google My Business devono essere corrette. Sembra un’affermazione banale, ma in realtà troppo spesso ci sono degli errori.

Se un cliente legge sulla tua scheda un servizio o una caratteristica che poi in realtà non corrisponde al vero, potrebbe scrivere una recensione negativa. In tal caso saresti colpevole di aver alimentato in lui un’aspettativa, per poi non soddisfarla, causandone frustrazione e insoddisfazione.

Attraverso la scheda verificata, puoi modificare le caratteristiche e i punti in evidenza dell’hotel o b&b, che sono i servizi identificati da un’icona, utili per fornire all’utente una panoramica veloce di ciò che offri.

Tra le cose più importanti da fare per ottimizzare Google My Business, devi verificare che i contatti siano sempre uguali tra social, sito web e scheda.

Infine, anche se un piccolo hotel o un bed & breakfast probabilmente non ne hanno bisogno, ricorda che qualora ci fossero altre attività all’interno della struttura, come spa, ristoranti, negozi, visitabili anche da clienti non dell’hotel, puoi aprire una scheda indipendente per ciascuna attività e poi richiedere all’assistenza Google di creare una relazione con la struttura per segnalarne la presenza.

3. Rispondi alle domande degli utenti

Google My Business per hotel
Google My Business è un tool gratuito indispensabile per b&b e piccoli hotel (foto di Caio Resende da Pexels)

Google ha introdotto abbastanza di recente, la possibilità di fare una domanda. Si tratta di una funzionalità che sta performando bene, utile anche per i gestori delle strutture. Per cui, prova a sfruttarla a tuo vantaggio!

Infatti, attraverso il meccanismo domanda-risposta è più facile dare una voce al tuo bed & breakfast, albergo, alloggio extralberghiero. Umanizzandolo.

Inoltre, domanda dopo domanda si creerà spontaneamente una vera e propria sezione faq, utilissima lato clienti e lato local search.

Per farlo è indispensabile che tu risponda sempre alle domande degli utenti. Non essere telegrafico. Non limitarti a scrivere sì o no. Argomenta le tue risposte fornendo più informazioni e dettagli possibili, senza però essere inappropriato.

Fai attenzione. In teoria, ogni volta che una domanda viene inserita, dovresti ricevere una notifica. Tuttavia ti consigliamo di verificare periodicamente. Anche perché, non solo tu, ma anche gli altri utenti possono intervenire per rispondere.

4. Incoraggia l’ospite a scrivere una recensione

Le recensioni su Google sono sempre più importanti. Hai idea di quanto stiano crescendo?!

Leggi anche Extralberghiero e piccoli hotel: Come avere più recensioni su Google.

Le review online potrebbero incidere sulla visibilità in serp del tuo b&b, hotel, alloggio e sul ranking in Google Maps.

Non a caso, Google le mette ben in evidenza sulla scheda GMB. Infatti, le recensioni si trovano subito sotto al nome della tua attività alberghiera o extralberghiera, accanto alle stelle.

Per gestire al meglio la sezione recensioni, devi sia rispondere, proprio come hai sempre fatto su TripAdvisor. Inoltre, devi sollecitare il cliente a scriverne una. Sappiamo che non è sempre possibile richiedere una review. A volta sembra indelicato. Altre non capita nemmeno l’occasione.

L’alternativa più efficace e sicura per richiedere una recensione è automatizzare la richiesta di review. Per farlo puoi provare gratis Edgar Smart Concierge. In questo modo usufruirai non solo di questa recente funzionalità, ma anche di tutte le altre implementate in Edgar.

Edgar è un’app concierge per proprietà extralberghiere e piccoli hotel, indispensabile per gli host che desiderano assistere al meglio i clienti nell’era dello smartphone e del turismo digitale. Edgar offre mobile check-in, notifiche push, vendita di servizi, commissioni sulle vendite per aumentare i guadagni anche delle strutture più piccole.

Per le recensioni, Edgar invia al cliente una notifica sul telefono o un’email con all’interno il link al sito su cui preferisci ricevere la recensione. In questo caso Google My Business. L’ospite dovrà solo cliccare. Infatti è molto più probabile che un utente scriva una recensione se la procedura è semplice e veloce. Se aspetti che sia lui a prendere l’iniziativa, anche se soddisfatto del soggiorno, potrebbe non farlo mai!

 

PROVA EDGAR GRATIS

5. Inserisci foto e video di qualità

La scheda Google My Business è una vera e propria vetrina online del tuo b&b o hotel.

Come sai, le vetrine devono essere ben allestite se vuoi che i passanti, nel tuo caso i turisti che cercano online un alloggio, si fermino a guardare e poi entrino per compare/prenotare.

Ora è chiaro perché immagini e video sono fondamentali. Valuta l’eventualità di farti scattare foto e realizzare video di alta qualità da un professionista. Verifica i formati e le dimensioni richieste da Google, in modo che tutto sia perfetto, niente sgranato, troppo lungo o di bassa risoluzione.

Ti suggeriamo inoltre di pubblicare foto e video dell’intera struttura, sia all’interno che all’esterno. Metti in evidenza anche i dettagli di design. Inoltre, puoi pubblicare immagini che mostrino lo staff mentre assiste un ospite. In questo modo darai subito l’idea di quanta attenzione metti nell’assistenza clienti.

Mi raccomando. Non usare il logo come immagine principale: il logo è utile ma non emoziona. Ne immagini fuorvianti che mostrano servizi e strutture che in realtà non sono presenti, come una vista panoramica o la piscina.

Infine, fai attenzione alle immagini inserite dagli utenti. Se dovesse capitare che qualcuna non corrisponda alla tua struttura, segnalalo a Google per provare a ottenerne la rimozione.

6. Usa il link per le prenotazioni

Google My Business è gratuito?

Si. Ma le schede Google My Business non sono tutte uguali. Nel settore ricettivo e a differenza di altri settori commerciali, Google esercita sulla scheda un controllo e uno sfruttamento economico maggiore, lasciando meno libertà al proprietario, ad esempio non puoi usare i post promozionali.

Non è difficile capire il perché. Google da tempo sgomita per farsi strada nel settore viaggi, mettendosi di traverso a Booking e agli altri canali di distribuzione, comunque obbligati a passare per Chrome.

Tutta questa premessa per dirti che si, nella tua scheda puoi inserire il link per le prenotazioni. Ma non è un link gratuito. Il link è generato da Google Hotel Ads. Un servizio di pubblicità, simile al vecchio Google AdWords, ora ribattezzato Google Ads. Su Google Hotel Ads paghi una commissione per la prenotazione, invece che fare un’offerta su una parola chiave.

Una scelta più o meno obbligata. Valuta i costi per capire se ti conviene. Se hai ancora dubbi, vai alle linee guida sulla Scheda Google My Business.

 

La scheda Google My Business è uno strumento indispensabile. Sfrutta la fine dell’alta stagione per accumulare recensioni. Prova subito Edgar Smart Concierge per automatizzare le review online su Google My Business.

 

PROVA EDGAR GRATIS

 

Immagine in evidenza di Jean van der Meulen da Pexels

Edgar Smart Concierge

Edgar Smart Concierge è una piattaforma per la gestione degli ospiti che permette a qualsiasi Host di personalizzare la propria App Concierge per soddisfare le esigenze degli ospiti aumentando i guadagni.

Articoli Recenti

Vuoi rimanere aggiornato?