Come sfruttare il turismo domestico se hai un piccolo hotel o un B&B

Oggi ti parliamo di turismo domestico perché il turismo così come l’abbiamo conosciuto negli ultimi decenni non tornerà per parecchi mesi.

Tuttavia, se hai un piccolo hotel o un B&B, non vuoi darti per vinto e vuoi provare a sconfiggere questo ennesimo periodo difficile, puntare sul turismo domestico è l’unica soluzione.

Infatti, non devi sottovalutare il turismo domestico perché:

  • è un indicatore del livello di salute e sicurezza del Paese, d’altronde se si può viaggiare almeno all’interno dei confini nazionali vuol dire che l’Italia è sicura;
  • svolgerà comunque un ruolo nel rivitalizzare l’economia.

In questo articolo di aiuteremo a capire bene il meccanismo di funzionamento del turismo domestico e le sue dinamiche. Soprattutto, ti suggeriremo strategie concrete e idee utili per aumentare le tue prenotazioni grazie al turismo domestico.

Il turismo domestico dopo il COVID-19

Partiamo da una precisazione importante. Anche il turista domestico, di cui dovrai conquistare la fiducia, non è più lo stesso di qualche mese fa, prima che la pandemia avesse inizio.

Per capire com’è cambiato, prova a rispondere a queste 4 domande:

  • quanto saranno motivate a viaggiare le persone, dopo i mesi difficili trascorsi in quarantena?
  • avranno nuove aspettative e preferenze di viaggio?
  • quale sarà la loro disponibilità economica?
  • che tipo di viaggi sceglieranno?

Sono già disponibili numerosi studi che hanno rilevato le intenzioni di viaggio degli italiani attraverso questionari e interviste. Ad esempio, leggi gli interessanti risultati di questa ricerca condotta dall’università di Sassari:

Come viaggeranno gli italiani dopo il COVID-19

Cos’è il turismo domestico?

La definizione di turismo domestico è:

l’insieme degli spostamenti dei residenti di un Paese all’interno dei confini nazionali.

Ad esempio, gli italiani che viaggiano in Italia.

Il turismo domestico ha delle caratteristiche precise:

  • comprende i viaggi leisure, quelli business o per altri motivi, ad esempio medici
  • può avvenire con ogni mezzo di trasporto, dall’aereo all’auto
  • partenza e arrivo avvengono nello stesso Paese
  • il pernottamento non è sempre incluso

Qual è la differenza tra turismo regionale e local?

In base alla nostra esperienza, è importante distinguere tra turismo regionale e local:

  • il turismo regionale è quello che si sviluppa in prossimità della località in cui si vive. Si basa sul desiderio di esplorare i dintorni e conoscere meglio la cultura del posto. In inglese di parla di staycation.
  • il turismo local invece si riferisce all’intenzione di vivere una destinazione come le persone del posto, ad esempio mangiare nei ristoranti più frequentati dai residenti, andare a far la spesa al mercato, etc.

Il COVID-19 aumenterà la domanda di turismo regionale. Infatti, secondo questo studio sulle vacanze dei lombardi di Casa.it, gli abitanti della Lombardia preferiranno restare all’interno dei confini della loro regione.

Lo dimostra l’aumento delle ricerche di case in affitto in Valtellina (+234%), Valcamonica (+141%), Lago d’Iseo, di Como, di Garda.

Invece, questa infografica sul T.A.TU.R.. (Tasso di Appartenenza Turistica Regionale che misura la percentuale di turisti che trascorre le vacanze nella propria regione rispetto al totale di turisti residenti) svela che la regione con T.A.TU.R. più alto è la Sicilia (40%), seguita da Sardegna e Campania. Mentre quella con il tasso più basso è la Valle d’Aosta (1,3%,) preceduta da Umbria e Molise.

Chi sono i turisti domestici?

Di solito, i turisti domestici sono le famiglie, le coppie romantiche, gli amanti delle gite fuori porta.

Sappiamo che l’Italia vive soprattutto di turismo straniero: americani, giapponesi, russi. Le città d’arte attirano in massima parte visitatori dall’estero. Tuttavia, i turisti italiani abituati a viaggiare fuori dai confini del Paese e dell’Europa, dovranno optare per l’Italia in mancanza di adeguate garanzie sulla sicurezza.

Per cui, il turismo domestico nel 2020 comprenderà sia i turisti domestici abituali sia alcuni italiani che di solito preferiscono le vacanze all’estero.

Le tipologie di viaggi domestici potranno includere:

  • gite fuori porta nel weekend per coppie, famiglie, amanti delle esperienze avventurose
  • viaggi di nozze e anniversari
  • lunghi viaggi in auto
  • vacanze in famiglia
  • vacanze in solitaria
  • incontri di lavoro

Di solito, il turismo domestico include anche tour organizzati, meeting di lavoro, viaggi in occasione di eventi. Queste tipologie di viaggio saranno meno probabili fino a quando sarà necessario rispettare le misure precauzionali anti-Covid e saranno proibiti gli assembramenti.

Invece, devi tenere in grande in considerazione il fatto che la destinazione diventerà un fattore di scelta ancora più importante, sia per la sua sicurezza che per l’attrattività.

Non dimenticare che avrai a che fare con clienti stressati, in cerca di relax dopo il periodo di lockdown, magari desiderosi di provare percorsi benessere, corsi yoga, etc.

Turismo domestico: strategie utili

Il COVID-19 ha costretto tutti gli operatori del settore ricettivo ed extralberghiero a rivedere le proprie strategie. Tra questi includiamo anche quegli operatori che hanno deciso di non riaprire. Ad esempio, alcuni hotel di lusso completamente privati della loro clientela straniera.

Invece, altre catene alberghiere hanno introdotto un mix di soluzioni. Il gruppo internazionale NH Hotel ha apportato ben 700 modifiche tra cui:

  • l’aggiornamento dei processi di pulizia e sanificazione, l’adozione di dispositivi di protezione, la formazione continua dello staff;
  • nuove soluzioni digitali, come online check-in/check-out, il Mobile Guest Service ovvero una piattaforma mobile per permettere agli ospiti di accedere via smartphone a tutte le informazioni e ai servizi dell’hotel, l’Instant Communication Channel per chattare velocemente con il personale dell’hotel;
  • la revisione di processi e protocolli per la gestione dei ristoranti, della logistica, della preparazione dei cibi, fino al come verranno consumati i cibi e alle modalità di pagamento consentite;
  • politiche di distanziamento sociale attraverso segnaletica, arredi e spazi ridisegnati;
  • controllo e depurazione dell’aria e dell’acqua, con particolare attenzione alle piscine.

Certamente un piccolo hotel o un B&B non hanno le risorse economiche per fare tutto questo.

Tuttavia, alcune di queste soluzioni possono essere adottate dalle piccole strutture senza grossi investimenti ma con il grande risultato di far sentire il cliente al sicuro.

Ad esempio, online check-in/check-out, info via app, gestione delle richieste da mobile comprese le ordinazioni per la colazione, possono essere automatizzati velocemente attraverso la tecnologia digitale.

Con il nostro digital concierge, Edgar, hai la tua reception virtuale. Edgar è un’app per B&B, strutture ricettive ed extralberghiero che non solo permette di automatizzare il check-in, ma anche di fornire ai clienti tutte le info personalizzate sulla struttura e la località direttamente sullo smartphone.

Inoltre, grazie a Edgar puoi chattare con l’ospite e mostrargli tutti i servizi disponibili che potrà acquistare anche dall’app.

PROVA EDGAR GRATIS

Cosa fare se hai un B&B o un piccolo hotel

Edgar Smart Concierge
Come sfruttare il turismo domestico se hai B&B e piccoli hotel

Passiamo ora alle strategie utili per sfruttare il turismo domestico e aumentare le prenotazioni se gestisci una piccola struttura.

Innanzitutto, bed & breakfast e hotel devono seguire 4 step:

  1. avere sotto controllo i costi
  2. studiare il proprio contesto locale e le previsioni di mercato
  3. raccogliere dati sui turistici domestici
  4. analizzare e aggiornare le proprie strategie di marketing per adattarle al contesto attuale

Alcuni consigli aggiuntivi. Cerca di essere flessibile e creativo! Dato che la situazione è nuova e in continuazione evoluzione, basati su dati reali e aggiornati. Per riuscire in questo, sarà necessario un monitoraggio continuo.

Quindi, la tua strategia dovrebbe includere questi aspetti:

  • continua a usare le OTA e gli altri canali di distribuzione se ti consentono di avere visibilità e attirare traffico;
  • la pandemia ha spaventato molti viaggiatori che si sono ritrovati a dover richiedere rimborsi, voucher, etc. Per questo le prenotazioni dirette potrebbero essere preferite dai clienti nei prossimi mesi; assicurati di aver un sistema di prenotazione dirette che funzioni bene;
  • facilita le prenotazioni anticipate con tariffe flessibili;
  • garantisci adeguati livelli di igiene sicurezza;
  • il COVID-19 ha dato una spinta alle tecnologie digitali. I clienti daranno sempre più per scontati self check-in, smart access, reception via mobile. Soddisfa questa loro aspettativa implementando digital concierge o strumenti simili;
  • metti in evidenza le strategie anti-COVID adottate sia dalla tua struttura che dalle autorità a destinazione, perché incideranno sulle scelte di prenotazione;
  • dopo mesi di lockdown, i viaggiatori avranno voglia di fare attività, divertenti e avventurose per alcuni, rilassanti per altri. Fai rete con gli operatori del territorio per attirare i clienti con un’esperienza di viaggio completa.

Turismo domestico: strategie per soggiorni lunghi

Di norma, i clienti che richiedono soggiorni lunghi sono viaggiatori leisure.

Il COVID-19 potrebbe aver modificato o amplificato le loro solite esigenze:

  • i leisure sono molto sensibili al prezzo, sempre alla ricerca dell’offerta più conveniente. Cerca di rendere le tariffe appetibili, senza però svendere le tue camere;
  • è probabile che le recensioni verranno lette più spesso per valutare la pulizia della struttura e usate per scegliere dove prenotare. Chiedi ai tuoi clienti soddisfatti di lasciare una recensione. Se usi Edgar, ti basterà inviargli una notifica push sullo smartphone, senza bisogno di importunarli;
  • in questa situazione di incertezza, i leisure avranno ancora di più l’esigenza di pianificare in anticipo dove mangiare, quali esperienze fare, cosa vedere. Aiutali a organizzare in anticipo il loro soggiorno con i tuoi consigli local. Ricorda che con Edgar puoi personalizzare la mappa mobile integrata nell’app con i tuoi suggerimenti.

Turismo domestico: strategie per soggiorni brevi

Una parte del turismo domestico è dato dai viaggi brevi per motivi di famiglia, medico-sanitari e lavoro.

Non c’è dubbio che con il diffondersi dello smart-working, i business traveller siano diminuiti. Tuttavia, è bene non ignorarli del tutto, perché potrebbero rappresentare una piccola fonte di prenotazioni.

Inoltre, non bisogna escludere che con il protrarsi di questa situazione, molti lavoratori chiederanno di poter combinare vacanza e smart-working.

Per cui, ricorda che i fattori che incidono sulla scelta dell’alloggio di un business traveller sono:

  • la location, perché chi è in viaggio per lavoro vuole essere vicino o ben collegato con l’ufficio del cliente o dell’azienda. Proponi servizi di noleggio, transfer e informa l’ospite sui mezzi di trasporto disponibili. Puoi fare tutto questo via smartphone con Edgar!
  • i viaggiatori business spesso ritornano nella stessa località più volte all’anno. Usa un programma di fidelizzazione con tariffe personalizzate, servizi e comfort aggiuntivi per trasformarli in clienti fedeli;
  • la qualità della connessione internet deve essere eccellente. Sembra una cosa scontata, ma molte strutture non sono ancora in grado di offrire una rete wifi veloce;
  • di solito i business traveller escono presto la mattina, quindi può essere utile attrezzare la stanza con la macchina per il caffè, il ferro da stiro e hanno bisogno di spazio per lavorare, come una scrivania più ampia delle solite.

Il turismo domestico non sarà sufficiente per colmare il vuoto di prenotazioni lasciato dai turisti stranieri.

Tuttavia, per sopravvivere dovrai per forza rivolgerti a questo segmento di mercato. Fatti aiutare da strumenti digitali come Edgar Smart Concierge per soddisfare le esigenze dei viaggiatori italiani nel post Coronavirus.

PROVA EDGAR GRATIS

Immagine in evidenza di tookapic da Pixabay

Edgar Smart Concierge

Edgar Smart Concierge è una piattaforma per la gestione degli ospiti che permette a qualsiasi Host di personalizzare la propria App Concierge per soddisfare le esigenze degli ospiti aumentando i guadagni.

Articoli Recenti

Con la tua App Concierge...

risparmi tempo, aumenti i guadagni e soddisfi i tuoi ospiti! Crea ora la tua App in pochi minuti!