Turismo sostenibile: 3 modi per conquistare i turisti green

Non devi considerare il turismo sostenibile né una moda del momento né un lusso per pochi radical chic. Di sicuro in queste settimane se ne sta parlando di più, anche grazie alle iniziative della coraggiosissima Greta Thunberg. Ma solo pochi giorni fa, il 22 aprile, è stata la Giornata Mondiale della Terra. L’Earth Day, celebrato fin dal 1970, quest’anno è stato una grande occasione di manifestazione e dibattito.

Con un tempismo perfetto, Booking.com ha reso pubblici i risultati della sua annuale ricerca sul turismo sostenibile, il Sustainable Travel Report, giunto ormai alla quarta edizione.

Anche per te che gestisci una struttura ricettiva extralberghiera o un hotel, il turismo sostenibile è importante. Sia perché buona parte dei manifestanti di questi giorni, tra pochi anni saranno tuoi potenziali clienti. Sia perché il tuo lavoro impatta sulla salute del nostro pianeta.

Turismo sostenibile: i dati importanti per il ricettivo

La ricerca di Booking è proprio recente. Infatti risale a febbraio e marzo 2019 e ha coinvolto un campione di 18.077 adulti da 18 mercati diversi, Italia compresa, che hanno dichiarato di aver partecipato ad almeno un viaggio negli ultimi 12 mesi o di averne in programma uno per il prossimo anno.

Noi abbiamo estrapolato dal report i dati più utili e interessanti per gli operatori dell’industria ricettiva, sia che tu gestisca una struttura tipo b&b o appartamento Airbnb, sia che ti occupi di un piccolo albergo:

  • Millennial e adulti 46-55 anni sono i più sensibili al turismo sostenibile

Il 72% degli intervistati, ovvero circa i tre quarti del campione, pensa che sia “necessario prendere decisioni di viaggio sostenibili” con l’obiettivo di salvaguardare la Terra e lasciare alle generazioni future un pianeta in buone condizioni. Quello che più deve interessarti, è che i più sensibili al tema del turismo sostenibile sono i Millennial (71%) e gli adulti nella fascia d’età tra i 46 e i 55 anni. Ovvero coloro che per ragioni anagrafiche ed economiche (probabili lavoratori) viaggiano e prenotano strutture ricettive.

  • i viaggi sostenibili non sono una moda

Nel 2020 circa il 73% degli adulti intervistati desidererà soggiornare in una struttura ricettiva eco-sostenibile. È il quarto anno che questo dato è in crescita, essendo passato dal 62% del 2016 all’attuale oltre 70%. Dopo quattro volte, possiamo quindi dire che il turismo sostenibile non è una moda ma una costante del mercato turistico mondiale.

  • le strutture ricettive eco-sostenibili piacciono ai clienti

Il 70% dei viaggiatori che ha preso parte al Sustainable Travel Report di Booking, ha dichiarato che sarebbe più soddisfatto della sua prenotazione se sapesse di aver scelto un alloggio eco-friendly, a prescindere dal fatto che l’abbia cercato di proposito o meno.

3 Idee per attirare i clienti green

Anche tu sei rimasto colpito dai risultati di queste interviste? Per chi come noi e te lavora nella ricettività, è interessante scoprire che proprio i Millennial e i 40/50 enni sono tra i più interessati alle tematiche eco-friendly e alle strutture ricettive attente alla salute del pianeta.

Proprio per questo devi iniziare subito a preoccuparti del turismo sostenibile o provare a fare sempre meglio. Leggi queste 3 idee, che ti dimostrano come basti poco per iniziare a essere una struttura ricettiva eco-sostenibile.

1. Fai sapere quanto sei eco-friendly

Ben il 72% degli intervistati da Booking ha dichiarato di non sapere dell’esistenza di marchi che certificano il basso impatto ambientale dei servizi offerti da una struttura ricettiva (i cosiddetti ecolabel).

Non bisogna ignorare questo dato! Perché il 37% dei viaggiatori ha affermato che se sapesse di questi ecolabel, sarebbe più propenso a prenotare una struttura eco-sostenibile piuttosto che una standard. Addirittura, il 62% dei viaggiatori si sentirebbe meglio se potesse soggiornare in alloggi amici dell’ambiente.

Quindi la prima raccomandazione che ti facciamo, è di promuovere al meglio tutti gli sforzi che fai per rispettare la Terra. Data la scarsa informazione, non limitarti a segnalare gli eventuali ecolabel, ma spiega di cosa si tratta e l’effetto positivo sull’ambiente.

Mettilo in evidenza sul sito, sulle OTA, sui canali social. Se la tua struttura ricettiva ha un blog, dedica un articolo a questo argomento. Fai in modo che dai post su Facebook e dalle immagini su Instagram emergano con chiarezza tutti i tuoi sforzi per essere eco-sostenibile.

Leggi anche Strategie social media per turismo e ricettività: le migliori 3 per il 2019

2. Proponi agli ospiti esperienze local

Edgar Smart Concierge
Offri esperienze di viaggio autentiche con guide local

Il turismo sostenibile va a braccetto con le vacanze responsabili ed etiche, rispettose non solo dell’ambiente ma anche delle comunità locali.

Leggi questi dati:

  • il 72% degli intervistati vuol vivere esperienze di viaggio autentiche alla scoperta della cultura del posto
  • il 68% sarebbe contento se i soldi spesi a destinazione andassero veramente a favore delle comunità locali
  • il 52% ha cambiato modo di viaggiare per essere più sostenibile, optando per viaggi in bici, passeggiate ed escursioni
  • il 41% apprezza le guide di viaggio che danno consigli local
  • il 36% ha però dichiarato di non potersi permettere di viaggiare sostenibile

Vuoi attirare questi turisti? Comportarti come un host veramente locale e suggerisci esperienze autentiche ai tuoi ospiti, non necessariamente costose!

Questa situazione, può anche essere un’opportunità per aumentare i tuoi guadagni con l’up-selling.

Ad esempio, i nostri clienti offrono ai loro ospiti le attività da fare attraverso l’app personalizzata della loro struttura, creata tramite Edgar, il nostro digital concierge per strutture extralberghiere, b&b e piccole hotel. Edgar offre varie funzionalità per gli operatori del ricettivo: dal check-in automatizzato alle push-notification.

Per quanto riguarda le esperienze di viaggio e l’up-selling, Edgar è decisamente local. Infatti, Edgar integra un marketplace di esperienze di viaggio offerte da guide professionali locali e Local Friend, Guide Me Right, nato nel 2014 sull’onda della sharing economy.

Se invece collabori già con degli operatori turistici, puoi comunque portali su Edgar. Basta invitarli a registrarsi gratis su Guide Me Right.

In questo modo, se usi Edgar puoi offrire ai tuoi ospiti centinaia di attività da fare a destinazione, dai corsi di pasta fresca organizzati dalle nonnine di un piccolo paesino a un avventuroso tour in kayak, di vari prezzi. Così potrai anche dimostrare a quel 36% di viaggiatori che ha dichiarato di non potersi permettere vacanze sostenibili, che per essere eco-friendly non bisogna essere ricchi, ma solo prenotare strutture ricettive digitalizzate e al passo con i tempi come la tua. 

 

PROVA EDGAR GRATIS

I clienti vedranno tutte le attività disponibili direttamente sull’app personalizzata della struttura che gestisci e potranno acquistarle sull’app. In questo modo guadagnerai una commissione, aumentando così i tuoi profitti.

3. Turismo sostenibile e comfort

Il 31% dei viaggiatori della ricerca di Booking, ha affermato che le vacanze sono un momento speciale, durante il quale non vuole preoccuparsi di essere o meno eco-friendly.

Siamo d’accordo: i viaggi sono momenti preziosi da non rovinare per alcuna ragione. Ma essere sostenibili non significa complicarsi le vacanze!

Ad esempio, le strutture ricettive che usano Edgar Smart Concierge non stampano più mappe e brochure, hanno ridotto il consumo di carta e toner e smesso di contribuire all’inquinamento della destinazione con tutta quella cartaccia che gli ospiti perdono, dimenticano, buttano per strada.

E in più, questi tuoi colleghi del settore ricettivo risparmiano anche soldi, perché non devono stampare nuove copie aggiornate del loro materiale informativo.

Perché se usi Edgar, all’interno dell’app della tua struttura ricettiva ci sarà la mappa della destinazione, come Google Maps, navigabile e con segnalati tutti i luoghi d’interesse, dalle attrazioni turistiche ai luoghi utili come bancomat, farmacie e supermercati. Inoltre, potrai personalizzare la mappa con i tuoi consigli, inserendo i ristoranti e i negozi con cui hai convenzioni, diventando così un host veramente local.

In questo modo i tuoi clienti avranno un comfort in più, una mappa su smartphone, che è pratica, eco-sostenibile e alternativa alla carta.

Ovviamente non dovrai dimenticare di promuovere il servizio offerto e mettere in evidenza sul sito e i canali di comunicazione che anche tu hai scelto di essere sostenibile optando per il digitale piuttosto che per la carta plastificata.

 

PROVA EDGAR GRATIS

Edgar Smart Concierge

Edgar Smart Concierge è una piattaforma per la gestione degli ospiti che permette a qualsiasi Host di personalizzare la propria App Concierge per soddisfare le esigenze degli ospiti aumentando i guadagni.

Articoli Recenti

PERSONALIZZA ORA LA TUA APP CONCIERGE!